l’immaginario scientifico per le scuole

In ognuna delle sue cinque sedi l’Immaginario Scientifico offre alle scuole un ricco programma di proposte didattiche pensate per le classi di ogni ordine e grado. Le attività si configurano come un percorso di conoscenza attraverso le diverse sezioni museali, dove gli studenti vengono coinvolti da attività multisensoriali e sperimentazioni diretta e autonome. Inoltre, visto che tre delle cinque sedi dell’Immaginario Scientifico sono inserite in costensti di archeologia industriale, è possibile fare percorsi di visita di tipo storico.

Kaleido: immagini di scienza e di natura che scorrono a ritmo di musica in coinvolgenti multivisioni.
Fenomena: postazioni interattive per toccare con mano e riprodurre alcuni dei fenomeni naturali.
Cosmo: un planetario per fare suggestive visite guidate alla volta celeste, alla scoperta dei principali fenomeni astronomici.
Sezioni storiche: visite alla scoperta dell’ex Centrale idroelettrica, dell’ex Latteria di Malnisio e dell’antico Mulino di Adegliacco.
Demo.Lab: esperimenti nel corso dei quali gli studenti sono coinvolti nelle operazioni e invitati a formulare le loro ipotesi di interpretazione.
X.Lab: laboratori interattivi e sperimentali in cui si lavora a gruppi, per studiare gli strumenti a loro disposizione (EDULAB), oppure progettando e costruendo un prototipo (TINKERING).

Per prenotare: per le sedi di Trieste e Tavagnacco telefonare al numero 040 224424, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00; per le sedi di Pordenone e Montereale Valcellina telefonare al numero 0434 542455, sempre dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00.

Vai alle modalità di prenotazione e al tariffario

Per rendere più agevole la scelta del percorso più adatto alla classe è possibile utilizzare un sistema di filtri che rendono la ricerca più semplice e intuitiva.

da scaricare:

Icon of IS AttivitaDidattiche 2016-2017 IS AttivitaDidattiche 2016-2017 | (1.6 MB)

Cos’è l’energia. Trasformazioni di energia. Energie rinnovabili e applicazioni.

Come facciamo a sentire i suoni? Un percorso nel mondo delle onde sonore, per catturare i suoni e imparare a riprodurli nei modi più strani.

 

Forme di energia e loro trasformazioni. Sperimentazione diretta sulle principali fonti di energia.

[A Trieste solo per le secondarie di II grado]

Probabilità classica. Metodo sperimentale e gioco d’azzardo. Interpretazione dei dati e statistica. Funzioni di distribuzione.

 

Esperimenti e giochi per conoscere le proprietà dell’acqua: che forma ha, come si mescola agli altri liquidi, perchè fa galleggiare gli oggetti?

 

Esperimenti con l’acqua: tensione superficiale. Coesione e adesione. Capillarità. Lamine di sapone.

Zuccheri, proteine e lipidi: i principi nutritivi calorici. Cosa si nasconde nel cibo che mangiamo.

 

La piramide alimentare. Carboidrati, antiossidanti e vitamine: quali alimenti ne contengono e qual è la loro funzione.

 

Attività e dimostrazioni per riflettere sulle energie rinnovabili; utilizzo di apparati per lo studio delle possibili applicazioni.

 

Un’immersione in straordinari paesaggi sottomarini alla ricerca dei sorprendenti organismi che popolano i diversi ambienti pelagici, dalle coste tropicali alle pianure abissali.

Programmazione e realizzazione di prototipi attraverso l’uso della scheda elettronica Arduino.

 

Tredici grandi idee scientifiche che hanno cambiato il nostro modo di vedere il mondo: dalla gravitazione universale alla fotosintesi, dalle equazioni di Maxwell alla teoria del caos.

 

Cosa hanno a che fare le bolle di sapone con la scienza? Un giocoso percorso tra miscele, elementi, forme e colori.

 

Primarie: Temperatura e calore. Conduzione, convezione e irraggiamento: propagazione del calore e applicazioni.

Secondarie di I grado: Riflessione sui concetti di temperatura e calore. Propagazione del calore e applicazioni.

 

Il mito della regina Cassiopea e di sua figlia Andromeda: storie e leggende tra le stelle.

Le cellule viste al microscopio. Analogie e differenze tra cellule vegetali e animali.

 

L’avventura di un’idea rivoluzionaria in una multivisione che s’interroga sull’origine delle forme viventi, sulla selezione naturale e sulla biodiversità.

 

Preparando una crema o un deodorante si esplora la chimica dei prodotti per la cura della pelle.

Un fantastico viaggio in compagnia dell’elefantino Akim alla ricerca della reazione perfetta, tra miscugli colorati e reazioni esplosive.

Dal giardino alla cucina, a caccia di ingredienti comuni per realizzare curiose reazioni chimiche.

Stratificazione dei liquidi e miscibilità. Semplici reazioni chimiche con sostanze d’uso comune.

 

Led, circuiti e batterie per sperimentare l’elettricità, realizzando oggetti creativi.

Un laboratorio per creativi! Filo, stoffa, bottoni ma anche LED, batterie e filo conduttore per creare spille, braccialetti e altri originali accessori. La manualità al servizio della scienza,  della bellezza e del design, senza perdere l’occasione per riflettere sul funzionamento dei circuiti elettrici e dei materiali conduttori.

 

Codici segreti storici e moderni. Crittografia e crittanalisi. I codici segreti nella vita quotidiana.

 

Pressione atmosferica. Umidità nell’aria. Altitudine, temperatura. Raggi solari sulla superficie terrestre. Venti e nuvole.

Primarie e secondarie di I grado: Caratteristiche delle cariche elettriche e dei magneti. Applicazioni ed esperimenti.

Secondarie di II grado: Riflessione sui concetti di temperatura e calore. Propagazione del calore e applicazioni.

[A Pordenone il laboratorio è disponibile solo per le scuole primarie]

Primarie e secondarie di I grado: Somiglianze e differenze tra cariche elettriche e magneti. Introduzione sperimentale all’elettromagnetismo.

Secondarie di II grado: Magnetismo. Elettrostatica. Elettrodinamica. Elettromagnetismo. Applicazioni.

 

Un viaggio nello spazio e nel tempo per ripercorrere le tappe dell’evoluzione dell’Universo, dell’osservazione del Cosmo e dell’esplorazione umana del Sistema solare.

 

All’interno del planetario Cosmo si realizza una suggestiva visita guidata alla scoperta del cielo.
Spenta la luce e acceso il cielo del planetario, i visitatori si trovano di fronte all’immensa volta celeste popolata di stelle, pianeti e altre meraviglie dell’Universo così come attraversano il cielo nel giorno in cui si effettua la visita.
Osservando le stelle proiettate sulla cupola del planetario e seguendo il racconto dell’esperto planetarista, gli alunni esplorano i concetti base di geografia astronomica e imparano a riconoscere pianeti, stelle e costellazioni.

Al termine della visita guidata l’insegnante riceve una mappa stellare che descrive il cielo notturno appena osservato.

La visita a Cosmo si può svolgere solo in abbinamento alla visita a Fenomena e Kaleido.

Definizione di pianeta. Caratteristiche dei pianeti. Origine del Sistema Solare. Asteroidi e comete.

Kit sperimentali per indagare i concetti fondamentali della chimica classica, descritti nei testi scolastici.

 

Mille immagini per raccontare il cammino del pensiero tecnico e scientifico da Copernico a Einstein, da Vesalio a Fleming, da Leonardo a Berners-Lee.

 

Primarie e secondarie di I grado: Cos’è l’energia. Energia cinetica e potenziale. Trasformazioni di energia. Altre forme di energia.

Secondarie di II grado: Energia cinetica e potenziale. Conservazione dell’energia. Trasformazioni di energia. Altre forme di energia.

L’anidride carbonica e il suo ruolo fondamentale nel determinare e mantenere alcuni equilibri sul nostro pianeta.

 

Flusso di energia dal Sole agli alimenti. Ricerca delle proteine, dei carboidrati e dei lipidi e loro funzioni.

 

Principi di conservazione dell’energia, della quantità di moto, del momento angolare, della massa.

 

Secondarie I grado: Caratteristiche principali della luce. Riflessione. Rifrazione. Diffrazione. Polarizzazione. Lenti.

Secondarie di II grado: Natura della luce. Riflessione. Legge di Snell. Riflessione totale. Radiazione elettromagnetica. Polarizzazione. Lenti.

 

La visita guidata alla sezione Fenomena è curata da un operatore didattico esperto della materia e appositamente formato alla didattica museale.
La visita si snoda attraverso le diverse aree tematiche: dai movimenti dei fluidi alle geometrie delle lamine di sapone, dai giochi con gli specchi alla dispersione della luce, dalle onde sonore alle rielaborazioni che il cervello opera sui dati sensoriali che chiamiamo percezioni.
Ogni area è fornita di una serie di apparati interattivi e gli studenti in visita sono indotti a compiere un’azione  (toccare con mano, girare una manovella, pigiare un pulsante, scrivere guardando allo specchio, ecc.) per avviare un fenomeno che poi devono osservare al fine di comprendere come e perché si è verificato. Da quest’esperienza apprendono le leggi e i principi scientifici che sottendono al fenomeno osservato. Gli exhibit hands-on infatti sono progettati per incuriosire e stimolare domande, avviando un processo di apprendimento che proseguirà con i tempi e le modalità proprie a ciascuno. 

Dal codice della vita al Progetto Genoma Umano, un itinerario di scoperta e di avvicinamento alla struttura del DNA, ai temi della genetica e delle biotecnologie.

 

Prove di equilibrio per ragionare sulla stabilità di ponti, edifici e altre architetture.

 

Come erano fatti i dinosauri? Come si trovano i fossili? Alla scoperta del giurassico in compagnia del dinosauro Arturo.

 

Funzionamento di un missile. Storia dell’esplorazione spaziale. Fisica nello spazio.

Prendere confidenza con procedure e strumenti di laboratorio, provando a estrarre DNA da una cellula vegetale.

 

Un laboratorio per riconoscere impronte, versi e altre tracce lasciate dagli animali che popolano i nostri boschi.

 

Di che colore è la luce? Cosa accade se incontra oggetti trasparenti, opachi o riflettenti? Come guardano gli occhi di un piccolo fisico.

 

Splendide immagini della Terra vista dallo spazio: un modo per avvicinarsi ai temi ambientali e un’introduzione alle forze che plasmano il pianeta.

 

Particolarità del nostro pianeta. I movimenti della Terra. Caratteristiche e movimenti della Luna. Il Sole e le eclissi.

Fiori, estratti e succhi che imbibiscono carte e ne cambiano il colore... ma anche sofisticate tecnologie racchiuse in piccoli e maneggevoli strumenti: questi i preziosi protagonisti del laboratorio che aiuta a comprendere la chimica degli acidi e delle basi.

 

Gli stati dell’acqua e le sue proprietà. Sali, idrolisi e circuiti elettrici.

Baricentro in corpi omogenei e non omogenei. Equilibrio stabile, instabile e indifferente. Le leve e le loro applicazioni.

 

Tre delle cinque sedi dell’Immaginario Scientifico sono inserite in contesti di archeologia industriale, che sono stati riqualificati e ristrutturati per ospitare sezioni museali, attività culturali e laboratori didattici. In base all’età, gli studenti possono così fare un percorso di visita di tipo storico, alla scoperta delle tradizioni locali. La visita al Mulino di Adegliacco è adatta anche ai bambini delle scuole dell’infanzia.

Nell’ex Centrale idroelettrica “Antonio Pitter” di Malnisio (Montereale Valcellina-PN) la visita guidata permette di seguire il percorso dell’acqua dalle condotte forzate fino alla vasca di scarico, passando per l’imponente sala macchine dove turbine e alternatori compiono la trasformazione dell’energia cinetica in energia elettrica. Completa la visita alla Centrale l’esposizione Tempo, che racconta la storia della Centrale e degli uomini che hanno lavorato per il suo funzionamento.

Sempre a Malnisio, all’ex Latteria (ora Geo Centre Immaginario Geografico), si può fare una visita guidata alla ri-scoperta delle tradizioni casearie del territorio. La visita si articola in due percorsi diversi: il primo, che affronta il tema del latte e della sua trasformazione in formaggio, prevede l’interazione con gli strumenti originali e un momento di sperimentazione; il secondo si sviluppa attraverso le grandi ortofoto a pavimento, che permettono di esplorare, attraverso giochi e osservazioni, il territorio locale e regionale.

Nel corso della visita all’antico Mulino di Adegliacco (Tavagnacco-UD) agli alunni possono osservare da vicino la roggia, la ruota idraulica e il sistema di macine e di macchinari in legno utilizzato per produrre la farina. Si potrà scoprire un antico mestiere, quello del mugnaio, e le diverse fasi del suo lavoro. L’attività si arricchisce di un laboratorio sulle proprietà fisiche dei materiali granulari.

Densità e galleggiamento. Spinta di Archimede. Acqua dolce e salata. Liquidi miscibili e non miscibili.

Corpi luminosi e illuminati. Propagazione della luce. Superfici opache, traslucide, trasparenti. Specchi. Riflessione e rifrazione.

 

Progettazione e costruzione di robot in grado di muoversi e lasciare colorate tracce del loro percorso.

 

Cos’è una costellazione? Cosa narrano le stelle della costellazione di Cassiopea? E poi a gattoni nell’Universo all’interno del planetario.

Dalla mosca alle superfici atomiche, dalle diatomee ai virus, dai cristalli ai tracciati atomici, spettacolari immagini al microscopio elettronico a scansione.

 

Funzionamento di un missile. Storia dell’esplorazione spaziale. Fisica nello spazio.

Carsismo epigeo e ipogeo. Azione chimica e meccanica dell’acqua. Ambiente carsico. Formazione di una cavità carsica.

Come si studiano le stelle. Le galassie. L’espansione dell’Universo. La teoria del Big Bang.

Storia della vita sulla Terra. Sedimentazione e fossili. Osservazione e manipolazione di materiale paleontologico.

Cosa sappiamo sull’aria? La respiriamo, ma possiamo anche chiuderla in un palloncino... Tanti esperimenti per scoprire le sue proprietà.

 

Acqua che cambia colore, acqua effervescente, aceto e bicarbonato: semplici esperimenti per avvicinarsi alla chimica in modo divertente.

 

Acidi, basi e misurazione del pH. Reazioni chimiche dagli effetti sorprendenti.

Caratteristiche e proprietà della materia: solidi, liquidi e gas a confronto.

 

Agitazione termica. Stati della materia. Caratteristiche fisiche e proprietà della materia nei diversi stati.

 

Soluzioni trasparenti da mescolare e osservare per capire che cosa sia e come funzioni una reazione chimica.

Confronto tra buoni e cattivi conduttori. Utilizzatori e generatori. Circuiti elettrici.

Secondarie di I grado: Principio d’inerzia. Seconda legge di Newton. Principio di azione e reazione. Forza d’attrito. Esperimenti.

Secondarie di II grado: Principi della dinamica. Forza d’attrito. Esperimenti sui diversi tipi di forze e sul loro impiego.

Primarie e secondarie di I grado: Pressione atmosferica, nei fluidi e nei solidi. Vasi comunicanti. Pressione e temperatura. Differenze di pressione.

Secondarie di II grado: Pressione atmosferica. Vasi comunicanti. Legge di Stevino. Principio di Pascal e di Bernoulli. Esperimenti con la pressione.

 

Pedogenesi. Granulometria dei sedimenti. Permeabilità e porosità. Distinzione dei vari tipi di suoli. Le falde acquifere.

Caratteristiche del suono. Cos’è il suono. Propagazione. Cassa di risonanza. Strumenti musicali.

 

Dove nascono i colori? Ombre colorate, pigmenti e arcobaleni per sperimentare e giocare con il mondo dei colori.

 

Un percorso dedicato ai fenomeni dell’atmosfera, ai temi meteorologici e climatologici. Un viaggio da polo a polo attraverso le fasce climatiche.

 

Crosta e interno della Terra. Tettonica a placche. Fondali oceanici e dorsali sottomarine. Attività sismica e vulcanica.

 

Quali sono i principi nutritivi e in quali alimenti si trovano. Le funzioni di zuccheri, grassi e proteine.

 

Spingi, tira, solleva, muovi oggetti: perché qualcuno sta fermo, altri dondolano, altri ancora si ribaltano? A spasso tra le cose in equilibrio.

 

I principi nutritivi della frutta e della verdura. I pigmenti vegetali e la ruota dei colori. La stagionalità.

 

Come stabilire se una notizia trovata in Internet sia vera o falsa? A che fonti fare riferimento per avere un’informazione corretta?

Un viaggio attorno al mondo che segue il Sole nel suo cammino apparente da est a ovest, attraverso lo sguardo di oltre 300 fotografi di 58 nazionalità.

 

Una multivisione dedicata alla bellezza e alla varietà delle forme del mondo visibile e invisibile, dai paesaggi cosmici agli abissi subatomici.