Già dalla seconda metà del XIX secolo la molecola di DNA (allora chiamata nucleina) era stata riconosciuta come uno dei principali costituenti del nucleo cellulare, ma fino agli anni ’30 del secolo scorso i biologi tendevano a credere che l’informazione genetica fosse trasmessa dalle proteine nucleari, più complesse e variegate del DNA.

Nel 1944 l’esperimento di Avery, MacLeod e McCarty aveva dimostrato che la capacità di trasformare un ceppo di cellule batteriche in un altro ceppo con diverse caratteristiche era da attribuire al loro DNA.

60 anni fa, per la precisione il 20 settembre del 1952, sono stati pubblicati i risultati di una serie di esperimenti realizzati dal batteriologo e genetista statunitense Alfred Hershey e dalla sua assistente Martha Chase, che hanno dato una conclusiva prova del fatto che la trasmissione dell’informazione genetica è veicolata dal DNA.

Per i loro esperimenti, Hershey a Chase hanno utilizzato dei batteriofagi T2. I batteriofagi sono virus che inoculano il loro DNA nei batteri, come appare nell’immagine in copertina. La parte proteica del virus rimane completamente all’esterno della cellula batterica e si riforma all’interno, utilizzando le informazioni genetiche del virus e la macchina molecolare che il batterio usa per la sua stessa riproduzione.

 

2013-03-29T14:20:38+00:00giovedì 20 settembre 2012|Categories: copertine del mese|Tags: , , , , , |

Trieste

riva Massimiliano e Carlotta, 15 34151 Grignano (Trieste)

Telefono: 040224424

Fax: 040224439

Pordenone

Via Vittorio Veneto, 31 33170 Torre di Pordenone

Telefono: 0434542455

Fax: 0434542455

Tavagnacco

via dei Molini, 32 33010 Adegliacco, Comune di Tavagnacco (UD)

Telefono: 0432571797 • prenotazioni: 040224424