Giusto un secolo fa, nel giugno 1915, all’Università di Gottinga, Albert Einstein iniziava un ciclo di lezioni sulla sua teoria della relatività generale, alla presenza di grandi matematici come David Hilbert, Felix Klein e, probabilmente, anche Emmy Noether. Presentata un paio di anni prima in un articolo pubblicato assieme all’amico Marcel Grossman, la generalizzazione della teoria della relatività estesa alla teoria della gravitazione girava tra i fisici ancora solo come una curiosità. Le lezioni di Gottinga sono state l’occasione per una più completa comprensione della materia, in vista dell’articolo finale presentato alla fine di quello stesso anno anche grazie al contributo dei matematici presenti in quella sede.
L’immagine in copertina inquadra l’ammasso di galassie SDSS J1038+4849, chiamato più familiarmente Smiling galaxy cluster (“Ammasso di galassie che sorride”), ripreso dallo Hubble Space Telescope nel febbraio del 2015. L’abbiamo scelta per ricordare la teoria della relatività generale perché la “faccia” è prodotta da una struttura chiamata anello di Einstein. Gli “occhi” sono due galassie in primo piano che posti tra galassie ancora più lontane e il nostro punto di osservazione, funzionano come lente gravitazionale, generando gli archi che formano l’anello. Previsto dalla teoria einsteiniana, il fenomeno della lente gravitazionale è una delle più evidenti conferme della curvatura dello spazio-tempo prevista dalla teoria. Il gravitational lensing è diventato uno strumento fondamentale in astrofisica, sia per osservare oggetti lontanissimi, sia per la localizzare la “materia oscura” (dark matter) altrimenti invisibile.

Trieste

riva Massimiliano e Carlotta, 15 34151 Grignano (Trieste)

Telefono: 040224424

Fax: 040224439

Pordenone

Via Vittorio Veneto, 31 33170 Torre di Pordenone

Telefono: 0434542455

Fax: 0434542455

Tavagnacco

via dei Molini, 32 33010 Adegliacco, Comune di Tavagnacco (UD)

Telefono: 0432571797 • prenotazioni: 040224424