60 anni dall’annuncio dell’esistenza dei neutrini

copertina-luglio-2016-bisL’immagine in copertina mostra l’interno di uno dei detettori utilizzati dal Daya Bay Reactor Neutrino Experiment, un progetto internazionale per lo studio dei neutrini che utilizza otto detettori distribuiti nella Baia di Daya, nei pressi di Hong Kong. Il neutrino è una particella elementare la cui esistenza è stata postulata dal fisico tedesco Wolfgang Pauli nel 1930. Di massa prossima a zero (per molto tempo i fisici hanno creduto che non ne avesse proprio), deve il suo nome alla scarsissima interazione con le altre particelle che ne ha reso impossibile la rilevazione per più di un quarto di secolo. Per rilevarle occorre sistemare i rivelatori sotto terra e/o sott’acqua in modo da eliminare il rumore creato dal passaggio di altre particelle.
Con questa immagine commemoriamo i 60 anni dalla pubblicazione, avvenuta il 20 luglio 1956 sulla rivista Science, delle prime tracce di neutrini, attraverso l’esperimento realizzato dai fisici Clyde Cowan e Fred Reines al reattore a fissione di Savannah River nel sud degli Stati Uniti.

condividi su:

parole chiave: , , ,