I vincitori della fase regionale delle Olimpiadi Italiane delle Neuroscienze 2016

02_2016_03_18_OlimpiadiNeuroscienze_Vincitori_IntVenerdì 18 marzo 2016 si è svolta la fase regionale delle Olimpiadi italiane delle Neuroscienze che ha portato alla premiazione di tre studenti di Udine.

CERVELLI IN FUGA… VERSO LA FINALE DI BRESCIA!
OLIMPIADI DELLE NEUROSCIENZE 2016

Sono tre studenti di Udine i vincitori della gara regionale delle Olimpiadi italiane delle Neuroscienze, che si è svolta venerdì 18 marzo 2016 presso il Polo Didattico di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Trieste: Simone Gasparini, del Liceo Scientifico Marinelli, Mattia Sandrelli Micol Boschin, dell’ISIS Malignani, hanno gareggiato a suon di neuroni contro altri 70 studenti provenienti da altre 13 scuole del Friuli Venezia Giulia, aggiudicandosi l’opportunità di rappresentare la regione alla gara nazionale, che si svolgerà a Brescia il 30 aprile prossimo.
Qui verrà designato il vincitore delle Olimpiadi italiane delle Neuroscienze che parteciperà alla competizione internazionale (The International Brain Bee) in programma dal 2 al 6 luglio a Copenhagen.

La competizione in Friuli Venezia Giulia, che rientra nella Settimana del cervello 2016, è promossa dal Comune di Trieste-Area Educazione e organizzata dall’Immaginario Scientifico e dal Centro per le Neuroscienze BRAIN dell’Università di Trieste.

La gara prevedeva una prova a squadre, un cruciverba con definizioni sull’anatomia cerebrale, prove individuali, quiz di attenzione e domande a bruciapelo su temi come memoria, emozioni, stress, invecchiamento e malattie del sistema nervoso.

Simone Gasparini (19 anni) – che partecipa per il secondo anno e nel 2015 si è classificato secondo parimerito alla gara nazionale – Mattia Sandrelli (17 anni) e Micol Boschin (17 anni) sono emozionati e soddisfatti, ma soprattutto determinati a proseguire gli studi universitari, chi nell’ambito delle neuroscienze e della medicina, chi invece in psicologia cognitiva e in biologia.

Oltre ai vincitori, fra i 10 finalisti c’erano Matteo Landi (Liceo scientifico Oberdan di Trieste), Giulia Micoli (ISIS Malignani di Udine), Elena Oballa e Giorgia del Missier (ISIS Paschini di Tolmezzo), Giorgia Meshini (Liceo scientifico Galilei di Trieste), Gaia Tomadini (Liceo scientifico Marinelli di Udine) e Margherita Virgili (Liceo scientifico Copernico di Udine).

A giudicare le prove era presente un gruppo di studenti di neuroscienze dell’Università di Trieste, capitanati dalla professoressa Paola Lorenzon, neuroscienziata e docente di Fisiologia del Dipartimento di Scienze della vita dell’Università di Trieste.

A premiare i vincitori erano presenti Antonella Grim, Assessore all’Educazione, Scuola e Università e Ricerca del Comune di Trieste, Piero Paolo Battaglini del centro BRAIN, coordinatore nazionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze, e Aura Bernardi, vice direttore dell’Immaginario Scientifico.

condividi su:

parole chiave: , , ,