La storia della scienza è costellata di uova di Colombo: scoperte che ci fanno esclamare, com’è che nessuno ci aveva pensato prima? In realtà il lavoro della scienza è fatto anche di ricerche che procedono lentamente e che coinvolgono molti gruppi che comunicano da diverse parti del mondo.

Al centro della microfotografia, all’interno di un globulo rosso, è visibile il protozoo che causa la malaria (Plasmodium malariae) in una delle fasi del suo complicato ciclo vitale. L’immagine commemora il 120° anniversario della scoperta scientifica che ha aperto la strada alla lotta contro una malattia che causa tuttora più di un milione di morti ogni anno: la malaria. Descritta già da Ippocrate nel IV secolo a. C., veniva anche chiamata paludismo ed era tradizionalmente collegata all’aria malsana degli acquitrini, da cui ha preso il nome che porta in tutto il mondo.

Grazie al lavoro dello scienziato e medico italiano Camillo Golgi, i protozoi del genere Plasmodium erano stati riconosciuti come agenti patogeni della malaria già nel 1885. In seguito, molti altri medici e microbiologi italiani e britannici avevano lavorato a identificare tutte le specie di questo genere di microrganismi responsabili delle febbri ricorrenti caratteristiche delle diverse forme di malaria. Non era però affatto chiaro come questi protozoi riuscissero a entrare del corpo umano.

Nel 1894 il medico scozzese Patrick Manson aveva formulato l’ipotesi che il vettore della malaria fosse la zanzara. Mancavano però le prove. Il 20 agosto 1897, il medico inglese Sir Ronald Ross è stato capace di riconoscere il parassita all’interno dell’intestino di una zanzara Anopheles che stava dissezionando. Era così dimostrato il collegamento mancante tra l’infezione del protozoo e l’ambiente palustre. La lotta alla malaria ha trovato così un bersaglio molto più raggiungibile. Per questa ragione il 20 agosto è celebrato in tutto il mondo come Mosquito Day, la giornata mondiale della zanzara.

2018-01-09T09:37:05+00:00domenica 20 agosto 2017|Categories: copertine del mese|Tags: , , , |

Trieste

riva Massimiliano e Carlotta, 15 34151 Grignano (Trieste)

Telefono: 040224424

Fax: 040224439

Pordenone

Via Vittorio Veneto, 31 33170 Torre di Pordenone

Telefono: 0434542455

Fax: 0434542455

Tavagnacco

via dei Molini, 32 33010 Adegliacco, Comune di Tavagnacco (UD)

Telefono: 0432571797 • prenotazioni: 040224424