header_centrale_esterno.png

museo della centrale & science centre immaginario scientifico

Una straordinaria avventura tecnologica: è quello di cui è testimone l’ex Centrale idroelettrica “Antonio Pitter” di Malnisio. Un’avventura che oggi è possibile ripercorrere, visitando questo splendido esempio di archeologia industriale dei primi dei Novecento. Immersa nel rigoglioso paesaggio naturale pedemontano pordenonese dal 2006 la Centrale è un museo, di proprietà del Comune di Montereale Valcellina, inserito nel circuito dei musei dell’Immaginario Scientifico.

Entrando in questa maestosa “cattedrale dell’energia” si potranno vedere le turbine, gli alternatori, i macchinari e i reperti originali, perfettamente conservati, che raccontano come sia stato possibile all’inizio del secolo scorso trasformare il torrente Cellina in fonte energetica. Nel maggio 1905 infatti, la Centrale entrò in funzione dando “nuova luce” all’intero territorio e facendo uscire la Valcellina dal suo isolamento. A conferma di ciò l’energia elettrica prodotta dalla Centrale consentì di accendere l’illuminazione pubblica della città di Venezia. La Centrale chiuse definitivamente la produzione nel 1988, uscendo indenne dai due conflitti mondiali e dal sisma del ’76 e mantenendo tutti i macchinari perfettamente intatti e conservati.

Scopri di più sulla storia della Centrale

All’interno della Sala Macchine è inoltre presente una mostra, ideata dall’Immaginario Scientifico, che ripercorre in una simbolica onda rossa la memoria della Centrale attraverso immagini, documenti, strumenti originali e foto. Completano la sezione una postazione interattiva che permette di approfondire gli aspetti tecnici della produzione di energia e un filmato sulla storia della Centrale.

Importante supporto all’attività del Museo è la collaborazione dell’Associazione “Amici della Centrale di Malnisio”, un gruppo di ex dipendenti che ha sostenuto il progetto di riconversione museale. Testimoni diretti della storia della Centrale e dell’intera rete territoriale, offrono un percorso alla scoperta dei macchinari presenti e del loro funzionamento, arricchendolo con il racconto di fatti, aneddoti, curiosità sugli avvenimenti che precedettero e seguirono la realizzazione dell’opera.

L’ex Centrale Pitter European è stata selezionata come uno degli “Anchor Point” della European Route of Industrual Heritage. Si tratta di siti di eccezionale importanza dal punto di vista storico e del patrimonio archeologico-industriale a livello europeo. Essere selezionati come “Anchor Point” è una garanzia di qualità e offre ai visitatori la possibilità di una visita gradevole e interessante.

Sentiero MV07 Cjasarile-Bennata

L’ex Centrale è anche il punto di partenza del Sentiero MV07 Cjasarile-Bennata, un percorso naturalistico e di archeologia industriale che segue il canale di alimentazione della Centrale. Seguendo questo percorso, recuperato grazie al Circolo Legambiente Prealpi Carniche, è possibile visitare una parte importante delle grandiose opere costruite tra il 1900 e il 1905 per lo sfruttamento delle acque del Cellina per la produzione di energia elettrica, dallo sbocco della galleria della Monciaduda fino allo sfioratore del Bennata. Il tragitto del percorso, molto interessante anche dal punto di vista floro-faunistico, è contraddistinto dalla segnaletica giallo/blu e dalla sigla “MV07”.

Scarica il libretto illustrativo

 

modalità di accesso

Dove
Museo della Centrale e Immaginario Scientifico
Via Volta, 27 – Malnisio di Montereale Valcellina (PN)
• tel: 0427 798722
• info@immaginarioscientifico.it

Quando
• dal 26 marzo al 24 settembre: domenica 10.00-18.00
[negli altri giorni aperto su prenotazione per gruppi e scuole]

• orari speciali:
martedì 25 aprile 2017: chiuso
lunedì 1° maggio 2017: aperto (10-18)

Quanto
ingresso:
biglietto intero € 6,00
biglietto ridotto* € 4,00
bambini fino a 6 anni (accompagnati da genitori) gratis

*per bambini da 6 a 12 anni, persone con più di 65 anni, persone con disabilità, insegnanti, studenti universitari, gruppi di almeno 20 persone, convenzionati

come raggiungerci


 

Malnisio è situato lungo la tratta Aviano-Maniago della strada Pedemontana Occidentale (SP29- SR464). Provenendo da Pordenone, seguire la SR251 e, dopo San Martino di Campagna, la SP 19. Per chi percorre l’autostrada A28 Portogruaro-Conegliano si consigliano le uscite di Cimpello o di Porcia. Seguire poi la SR13 fino all’incrocio (con semaforo) tra SR13 e SR251 e imboccare così via Montereale (SR251). Provenendo da Udine, seguire la SR464 in direzione Spilimbergo- Maniago fino a Maniago, poi seguire le indicazioni per Montereale Valcellina.