Trieste

riva Massimiliano e Carlotta, 15 34151 Grignano (Trieste)

Assignment On Wto Telefono: 040224424

Fax: 040224439

Montereale Valcellina

Via Volta, 27 – Malnisio di Montereale Valcellina (PN)

Best Computer To Buy Article Telefono: 0427798722

Montereale Valcellina [IG]

Via Manzoni, 15 – 33086 Malnisio di Montereale Valcellina (PN)

Telefono: 0427797064

Pordenone

Via Vittorio Veneto, 31 33170 Torre di Pordenone

Telefono: 0434542455

Fax: 0434542455

Tavagnacco

Pecking Order Thesis via dei Molini, 32 33010 Adegliacco, Comune di Tavagnacco (UD)

Business Sales Plan Telefono: 0432571797 • prenotazioni: 040224424

storia della centrale di malnisio 2016-09-20T12:57:56+00:00

[wpcol_3quarter id=”” class=”” style=”width:70%; margin-right: 2%;”]

storia della Centrale

La Centrale idroelettrica “Antonio Pitter” di Malnisio si inserisce in un sistema di impianti per lo sfruttamento idroelettrico del torrente Cellina, realizzato agli inizi del ‘900, grazie all’intuizione e al progetto di Aristide Zenari, giovane ingegnere del Regio Genio Civile. Alla fine dell’800, Zenari si rese conto che la stretta forra del Cellina ben si prestava ad uno sfruttamento idroelettrico. Il progetto prevedeva la costruzione di una diga in località Rugo Valfredda, lo scavo in roccia di un lungo canale adduttore con 57 ponti-canale e arcate di sostegno e con 5 gallerie e la realizzazione di tre centrali a Malnisio (1905), a Giais (1908) e in località Partidor (1919), inizialmente per alimentare la sola Venezia, quindi consentendo il decollo di numerose attività industriali nel Veneto e in Friuli.

Il progetto prese avvio nel marzo del 1900, sotto la direzione degli ingegneri Aristide Zenari per la parte idraulica e civile e Antonio Pitter per quella elettrotecnica. Più di duemila tra minatori, scalpellini, muratori, carpentieri, scarriolanti e donne portatrici lavorano alacremente per cinque anni nella serie di cantieri che si snodano dalla diga, lungo il canale adduttore, nelle centrali di Malnisio e Giais e nei rispettivi canali di scarico.

In funzione dal 1905 – con il suo sistema di quattro turbine tipo Francis Riva-Monnert accoppiate ai rispettivi alternatori Tecnomasio Italiano Brown-Boveri da 2.600HP – la Centrale chiuse definitivamente la produzione nel 1988, uscendo indenne dai due conflitti mondiali e dal sisma del ’76 e mantenendo tutti i macchinari perfettamente intatti e conservati.

Dopo la chiusura della Centrale di Malnisio nel 1988, l’Enel, allora proprietaria della struttura, conscia del grandissimo valore culturale e ambientale della Centrale, accarezza l’idea di farne un museo dell’idroelettrico, procedendo anche con il recupero, nelle sue diverse centrali distribuite in Italia, e con il trasporto presso la Centrale stessa di macchinari dismessi di interesse storico-tecnico.
Il progetto di recupero della Centrale viene poi ripreso dal Comune di Montereale Valcellina, che nel 2006, in occasione del centenario della Centrale, inaugura il “Museo della Centrale di Malnisio”. Fin dal principio, il Museo, in tutte le sue attività di organizzazione e assistenza alle visite guidate per il pubblico generico e scolastico, è stato affidato all’Immaginario Scientifico.