archivio dell'etichetta 'biometrica'

165 anni dell’oftalmoscopio

L'immagine inquadra una parte del fondo oculare (fundus oculi), la superficie interna dell'occhio. La copertina commemora l'anniversario dell'invenzione dello strumento con cui il fondo viene oggi osservato con un esame di routine. (altro…)

impronte genetiche

Nei mesi scorsi, parlando delle capacità – naturali o automatiche – di riconoscere una persona e distinguerla dalle altre, riallacciandola alla sua storia precedente e futura, abbiamo ripetutamente affrontato il tema dell'identità individuale. (altro…)

Riconoscimento di impronte digitali

Oltre all’iride, di cui abbiamo parlato nel numero scorso, un’altra regione del corpo umano dove si esprime l’individualità di ciascuno si trova notoriamente sulla punta delle dita. (altro…)

riconoscimento dell’iride

Nel numero scorso abbiamo parlato di prosopagnosia, l’incapacità di cui soffrono alcune persone di riconoscere le facce e dare loro un nome. (altro…)

150 anni dal primo uso delle impronte digitali in un documento

Risale a 150 anni fa il primo uso delle impronte digitali in un documento ufficiale. Lo si deve a William James Herschel, figlio dell'astronomo Sir John Frederick William Herschel. Magistrato in India, James Herschel aveva studiato per molti anni l'unicità e la permanenza delle impronte della mano lungo tutta la vita di ogni essere umano. (altro…)